Cappello

DiPietra

News1

IL PROSSIMO EVENTO

PER MAGGIORI INFORMAZIONI VISITATE LA SEZIONE EVENTI

 ------------------

Il trailer e tutto il filmato dell'adunata del 1° Raggruppamento

è disponibile in sede nei giorni di mercoledì e sabato ore 8-12

Trailer img

 ------------

 

 

LOTTERIA: ELENCO BIGLIETTI ESTRATTI

Cliccare qui 

 Lotteria

!Ritiro premi in sede (Via Monviso 1 - Saluzzo) al mercoledì e sabato ore 8-12!

!entro il 10 Gennaio 2018!

 -----------

 

 

ReDiPietra

 

Il Monviso, Re di Pietra delle Alpi Cozie, con i suoi 3.841 metri d'altezza è stato scelto quale significativo simbolo dell'Anno Internazionale della montagna ( 2002 ).

E' la nostra montagna più bella, quella che tutti hanno nell'immaginario, che i bambini disegnano istintivamente e alla quale l'A.N.A. Saluzzese ha reso omaggio sin dalla sua fondazione.

Al Vesulo, già cantato da Virgilio nell'Eneide, lo scrittore Ezio Nicoli ha dedicato lo splendido volume “ Monviso Re di Pietra “, pubblicato in una prima edizione dalla “Tamari Editori di Bologna” nel 1972, ben presto andato esaurito, e quindi riedito da Gribaudo nel 1987.

Tra i fondatori dei “Cantori dell'Alpi” (progenitori della “Corale tre valli” e del periodico “Noi soma Alpin”, socio dell'A.N.A. E del CAI Monviso, Ezio Nicoli nato ad Alba nel 1936 e scomparso nel 1993 fu l'artefice della ricostituzione in Inghilterra della Sezione A.N.A. di Londra nel 1966.

Ufficiale degli alpini ha prestato servizio al 5° Reggimento, Battaglione Tirano, e poi nel 4°, Battaglione Saluzzo, Nicoli è stato attivo e apprezzato Accademico del Gruppo Italiano Scrittori di Montagna organizzando a Saluzzo la celebrazione del 60° anniversario della fondazione del Gruppo.

Scrive dunque in apertura del suo volume “ Il Monviso è là. Di presentazioni non ha bisogno. I Piemontesi lo hanno negli occhi ogni giorno, gli italiani sanno che è il padre del gran Po. I francesi ce lo invidiano. Eruppe dalla terra gigante e con quattro sferzate di fuoco le forze gli diedero forma. Nessun altro monte gli fu simile. Per millenni fu l'altissimo delle Alpi. Il solo tra esse di cui gli antichi ci abbiano tramandato con il ricordo il nome: Vesulus.

Il Cervino ed il Bianco, il Gran Paradiso, il Rosa, il Pelmo e la Civetta, le Tofane e le Lavaredo vennero dopo, tanto tempo dopo, nella storia. Isolato, con una struttura netta , inconfondibile, il Monviso si impose da sempre. E fu famoso in Italia come l'Olimpo in Grecia. Senza essere dimora di divinità. Piramide perfetta di pietra e ghiaccio contro l'orizzonte. Il Monte Visibile “.

Tratto da “Alpini del Monviso” di Alberto Gedda e Osvaldo Bellino

 

 

 

 

 

 

 

 

Accesso Utenti

Dove siamo

dovesiamo

News

news

Newsletters

Gagliardetto

MGagliardettoGruppo